ricostruzione2015HEADERBANNER2015

Sede provvisoria Via Monte Grappa 6 - 41034 Finale Emilia (MO) - Centralino Tel. 0535.788111 - Fax. 0535788130P.E.C. comunefinale@cert.comune.finale-emilia.mo.it 

IBAN: IT82E0611566750000000133314 - SWIFT CRCEIT2

Martedì 28 Marzo 2017

      protcivile 1 2015 

BOLLETTINI2016RIFILATO 

      Seguici anche su:

   facebook-logotwitterGoogle-Plus-Logo2logo youtube

Cerca nel sito del Comune di Finale Emilia

Lunedì, 06 Marzo 2017 12:15

C'è anche il Guercino finalese in mostra a Piacenza

C'è anche il Guercino finalese - ovvero la pala d'altare dell'artista centese Giovanni Francesco Barbieri proveniente dalla chiesa del Seminario, raffigurante San Lorenzo in adorazione della Vergine col Bambino - tra i dipinti esposti nella mostra "Guercino a Piacenza - tra sacro e profano", allestita nella Cappella Ducale di Palazzo Farnese e visitabile dal 4 marzo al 4 giugno.

L'opera di proprietà della parrocchia dei SS. Filippo e Giacomo fu commissionata all'artista dal finalese Giovan Battista Mirandelli per l'altare di famiglia e venne realizzata nel 1624, al ritorno dal soggiorno romano del Guercino.

L'esposizione piacentina celebra il genio del Guercino e restituisce, in un percorso di ventiquattro capolavori, la lunga parabola che lo ha portato a divenire uno degli artisti del Seicento italiano più rappresentativi e più amati a livello internazionale. I dipinti selezionati, di cui otto provenienti dalla Città di Cento e uno da Finale Emilia, ben documentano la "poetica degli affetti" con cui il pittore ha realizzato sia i temi sacri, sia quelli profani, lungo l'arco cronologico della sua operosa attività artistica.

Nella città di Piacenza Guercino operò tra il 1626 e 1627 chiamato dal Vescovo Linati per terminare la decorazione della grandiosa cupola del Duomo, rimasta incompiuta dopo la scomparsa del Morazzone, che aveva ultimato i primi due spicchi. Guercino mirabilmente affrescò le restanti sei vele, le otto lunette e i fregi, rendendo la Cattedrale uno dei punti ancor oggi di maggior attrazione turistica della città emiliana.

Il biglietto di accesso alla mostra darà la possibilità di salire sulla Cupola del Duomo per ammirare da vicino gli affreschi di Guercino, esaltati nel loro splendore anche grazie ad una nuova illuminazione che ne restituisce fedelmente le tinte e i chiaroscuri. Dispositivi tecnologici interattivi nella sala multimediale consentiranno inoltre una fruizione dettagliata e particolare delle opere.

Letto 259 volte

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. I Cookies sono impiegati per il funzionamento essenziale del sito e per la raccolta dati di navigazione utente. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information